Qui #Rifiuti – Roma: qualche dato

di Donato Bonanni
Qui #roma
Qualche dato (aggiornato al 2019) che ci deve far riflettere e che dimostra la relazione stretta tra l’alta percentuale di raccolta differenziata e la presenza di termovalorizzatori:
✔️ Lombardia 72% di RD e 13 TMV;
✔️ Veneto 75% di RD e 2 TMV;
✔️ Emilia Romagna 71% di RD e 8 TMV;
✔️ Toscana 61% di RD e 4 TMV.
Il Lazio è una regione non certamente virtuosa con una percentuale di raccolta differenziata pari al 52% e con un solo termovalorizzatore a San Vittore del Lazio che riceve anche i rifiuti indifferenziati di Roma.
L’attuale piano regionale dei rifiuti (ad opera della giunta Zingaretti) non prevede la realizzazione di nuovi termovalorizzatori andando contro le direttive europee a sostegno di queste tecnologie di valorizzazione dei rifiuti indifferenziati per la produzione di energia e calore. Il “no” a questi impianti comporta la necessità di fare altre discariche.
A Roma i cittadini preferiscono avere tante discariche o avere un termovalorizzatore come in tutte le capitali europee?
Il prossimo sindaco di Roma dovrà tenerne in seria considerazione. Diversamente, la città continuerà a vivere nell’emergenza rifiuti e a registrare la tassa sui rifiuti più alta d’Italia e le performances ambientali decisamente negative.
Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.