UN PONTE FRA VOLONTARIATO E ISTITUZIONI PER AIUTARE MEGLIO I PIU’ POVERI DI ROMA – Articolo di FEDERICO GIANNONE

Articolo di FEDERICO GIANNONE – Penna Blu di Energie PER Roma area Welfare e terzo settore

Dieci anni di crisi economica hanno lasciato il segno sul tessuto sociale di Roma: negozi chiusi, aumento della disoccupazione, mense per poveri frequentate da romani che solamente fino a qualche anno prima vivevano in condizioni dignitose. Qualche numero, fornito dalla Caritas, può essere utile per fotografare l’immagine sociale della città:16mila le imprese chiuse negli ultimi cinque anni, redditi profondamente diseguali nei diversi municipi, aumento delle famiglie con un solo occupato (in 10 anni del 47,8%). A soffrire di più sono giovani e famiglie giovani e anziani. Basti pensare che in città sono quasi 100mila le famiglie senza occupati e con almeno un elemento disponibile al lavoro, il 25% dei giovani tra i 18 e 29 anni risulta disoccupato, il 52% dei giovani tra i 25 e i 39 anni ha un contratto a termine o di collaborazione. Sono 125mila i nuclei familiari con figli minori (considerato un predittivo di poverta’) che hanno un reddito lordo di 25mila euro l’anno mentre i Neet, ovvero quei giovani che non studiano, non lavorano e non cercano nenche un impiego, sono aumentati negli ultimi 10 anni del 68% (sono in tutto 134.556). Dalle informazioni provenienti dai centri d’ascolto della Caritas, poi, emerge che l’esclusione sociale è ereditaria: i poveri più giovani spesso sono figli di famiglia travolte da spaventose posizioni debitorie, relative a canoni di locazione non pagati o bollette saldate in modo discontinuo. Insomma, la povertà a Roma è molto diffusa ma fortunatamente c’è anche una rete di associazioni di volontariato sociale capillarmente diffusa su tutto il territorio cittadino, in parte conosciuta dalla maggior dei romani, in parte meno nota per le ridotte dimensioni delle associazioni che ne fanno parte. Molte associazioni non hanno neanche contatti con le istituzioni preposte a contrastare il disagio sociale come gli assessorati ai servizi sociali dei municipi, di Roma Capitale e della Regione Lazio. Da parte loro le istituzioni hanno consuetudine a trattare con le associazioni più importanti, con più volontari, con più mezzi economici, più diffuse sul territorio. I bandi comunali e regionali sono infatti tagliati su misura per queste associazioni di volontariato più conosciute e molto spesso escludono le piccole realtà che operano sul territorio con tanti sacrifici e con tanta buona volontà. Se invece ci fosse un maggiore coordinamento fra le istituzioni e fra tutte le associazioni che operano nel sociale l’aiuto ai poveri potrebbe essere più mirato, ci sarebbero meno sprechi di cibo, indumenti, farmaci e altri beni di prima necessità. Per questo Energie Per Roma propone a Roma Capitale e alle associazioni di volontariato più importanti di dare vita ad un portale del volontariato romano. Un punto di incontro fra istituzioni e privati che operano nel sociale per un censimento approfondito e aggiornato di tutte le associazioni di volontariato sociale che operano nella Capitale. Un portale al quale si potrebbe fare riferimento per donare eccedenze alimentari, indumenti, farmaci e altri generi necessari per aiutare chi è in diffcoltà e ripartirle fra le associazioni che operano sul territorio. Un portale che potrebbe essere utile anche per tutte quelle persone, in particolare studenti e neo-pensionati, che vorrebbero impagnarsi nel volontariato e non sanno da dove iniziare. Quella di Energie PER Roma è una proposta concreta, aperta a suggerimenti di associazioni di volontariato e di rappresentanti delle istituzioni cittadine che potrebbe migliorare l’attività di tanti cittadini romani che hanno scelto di impegnarsi concretamente per cercare di aiutare altri cittadini che vivono momenti di diffcoltà. Una proposta per migliorare la qualità della vita di tanti romani, sia di coloro che donano, sia di quelli che ricevono.

Per questo ci piacerebe sapere cosa ne pensano i cittadini impegnati nel sociale e i rappresentanti delle Istituzioni. Vi aspettiamo….

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.